MICROSOFT RINUNCIA AL POSTO DI OSSERVATORE NEL CDA DI OPENAI

Microsoft ha dichiarato scorso di voler rinunciare a un posto di osservatore nel consiglio di amministrazione di OpenAI, affermando di aver visto “progressi significativi” negli ultimi otto mesi, di essere fiduciosa nella direzione dell’azienda e di non ritenere più necessario il posto.

Da notare che Microsoft ha spinto per ottenere il posto dopo l’estromissione di Sam Altman a novembre. L’azienda ha svolto un ruolo chiave dietro le quinte per garantire il ritorno di Altman e le modifiche alla governance dell’azienda.

La lettere di Microsoft a OpenAI

In una lettera a OpenAI Microsoft ha dichiarato di confermare la propria decisione di rinunciare al posto, con effetto immediato, indicando che la mossa era già stata discussa con l’azienda. “Apprezziamo il sostegno dimostrato dalla leadership di OpenAI e dal consiglio di amministrazione di OpenAI quando abbiamo preso questa decisione. Come sapete, abbiamo accettato il ruolo di osservatori del consiglio di amministrazione senza diritto di voto in un momento in cui OpenAI era in procinto di ricostruire il proprio consiglio di amministrazione. Questa posizione ci ha permesso di conoscere le attività del consiglio senza comprometterne l’indipendenza e abbiamo apprezzato l’opportunità di servire come osservatori durante questo periodo di cambiamento. Negli ultimi otto mesi abbiamo assistito a progressi significativi da parte del nuovo consiglio di amministrazione e siamo fiduciosi nella direzione dell’azienda. Alla luce di tutto ciò, non riteniamo più necessario il nostro ruolo limitato di osservatori“.

OpenAI ha ricostituito il suo consiglio di amministrazione a partire da novembre con il ritorno di Altman come CEO, mantenendo solo un precedente membro del consiglio (Adam D’Angelo) e aggiungendo Bret Taylor come presidente e l’ex Segretario del Tesoro Larry Summers. In seguito, la società ha reinserito Altman nel consiglio di amministrazione e ha continuato ad aggiungere membri, tra cui, recentemente, l’ex funzionario dell’NSA Paul Nakasone.

Anche Apple si fa da parte

Bloomberg ha riferito la scorsa settimana che OpenAI aveva intenzione di assegnare a Phil Schiller, dirigente di Apple, un posto di osservatore. A quanto pare però anche Apple, che il mese scorso aveva annunciato l’integrazione di ChatGPT all’interno dei suoi dispositivi, assumerà il ruolo di osservatore al tavolo del Cda.

Con l’uscita di scena di Microsoft e Apple, OpenAI non prevede più di avere osservatori nel suo consiglio di amministrazione, secondo una fonte vicina all’azienda. Rinunciando al suo posto di osservatore, Microsoft elimina un potenziale punto dolente per le autorità di regolamentazione antitrust che potrebbero obiettare al significativo coinvolgimento del gigante con OpenAI. “Siamo grati a Microsoft per aver espresso fiducia nel Consiglio di amministrazione e nella direzione dell’azienda, e non vediamo l’ora di continuare la nostra partnership di successo“, ha dichiarato OpenAI.

OpenAI ha aggiunto che sta “Definendo un nuovo approccio per informare e coinvolgere i principali partner strategici – come Microsoft e Apple – e gli investitori – come Thrive Capital e Khosla Ventures“.

Leggi l'articolo originale >> Microsoft rinuncia al posto di osservatore nel CdA di OpenAI

2024-07-10T09:44:00Z dg43tfdfdgfd