AMAZON INQUINA SEMPRE MENO, MA NETZERO ANCORA LONTANO

Nel 2019, Amazon aveva preso l’impegno di raggiungere emissioni nette di carbonio pari a zero entro il 2040. Nonostante questo ambizioso obiettivo, le emissioni di carbonio dell’azienda sono aumentate subito dopo, passando da circa 51 milioni di tonnellate di CO2 nel 2019 a più di 71 milioni di tonnellate nel 2021. Tuttavia, sembra che l’impronta di carbonio di Amazon abbia subito una leggera riduzione negli ultimi due anni, diminuendo del 3% nel 2023.

L’impatto ambientale di Amazon

Per mettere in prospettiva l’impatto ambientale di Amazon, basti pensare che l’anno scorso la sua impronta di carbonio equivaleva all’incirca alle emissioni annuali di CO2 di 184 centrali elettriche a gas. Inoltre, l’azienda sta ancora producendo circa il 34% in più di inquinamento da carbonio rispetto a quando ha preso l’impegno per il clima nel 2019.

Tuttavia, è degno di nota il fatto che le emissioni di Amazon siano leggermente diminuite in un anno in cui l’inquinamento di altri giganti tecnologici  è aumentato a causa dell’esplosione di nuovi strumenti di intelligenza artificiale.

Secondo quanto dichiarato da Amazon nel suo ultimo rapporto sulla sostenibilità, il calo delle emissioni è dovuto principalmente alla riduzione dell’inquinamento da carbonio derivante dall’uso dell’elettricità e dalle emissioni indirette delle catene di fornitura, che sono diminuite rispettivamente dell’11% e del 5%. L’azienda ha inoltre annunciato di aver raggiunto l’obiettivo di abbinare il 100% del consumo di energia elettrica a energie rinnovabili nel 2023, con sette anni di anticipo rispetto alla scadenza del 2030.

Approcci alternativi per sostenere l’energia pulita

Alcune aziende, tra cui Microsoft e Google, si sono prefissate di abbinare il loro utilizzo di energia elettrica con energia pulita generata localmente su base oraria (anziché annuale). Questo dovrebbe supportare un futuro in cui ci sia abbastanza energia rinnovabile da poter contare 24 ore su 24, 7 giorni su 7, su qualsiasi rete a cui un’azienda si colleghi.

Un’altra alternativa è quella di stipulare un contratto di acquisto di energia (PPA), un contratto a lungo termine per sostenere lo sviluppo di un progetto di energia pulita e/o acquistarne l’elettricità. Secondo BloombergNEF, Amazon è il più grande acquirente aziendale di energia rinnovabile e acquista più energia solare ed eolica attraverso i PPA di Google e Microsoft messe insieme.

L’impatto dell’AI sulle emissioni di carbonio

Google e Microsoft hanno visto le loro emissioni di gas serra aumentare rispettivamente del 13 e del 20% lo scorso anno, a causa dell’introduzione dell’intelligenza artificiale nei loro prodotti e servizi. Come Amazon, hanno registrato aumenti maggiori da quando hanno fissato gli obiettivi climatici diversi anni fa. Secondo l’ultimo rapporto sulla sostenibilità, l’impronta di carbonio di Microsoft è aumentata del 30% nell’anno fiscale 2023 rispetto al 2020, mentre le emissioni di carbonio di Google sono aumentate del 48% nel 2023 rispetto al 2019.

Anche Amazon sta introducendo l’AI in Alexa e in altri servizi, anche se in ritardo rispetto ad altri grandi player nella corsa all’AI.

Riduzione delle emissioni derivanti dai beni strumentali

L’anno scorso Amazon ha registrato anche un calo del 13% delle emissioni derivanti dai beni strumentali, come rilevato da Bloomberg. Ciò include la costruzione di edifici, nuovi server, veicoli e altre attrezzature. Le spese in conto capitale dell’azienda sono diminuite di circa 10 miliardi di dollari nel 2023, come riporta Bloomberg.

L’azienda è cresciuta durante la pandemia di covirus, che ha fatto schizzare le sue emissioni di carbonio alle stelle. Ma dopo aver ridotto i costi dei magazzini e dei centri dati, anche le sue emissioni di carbonio sono diminuite.

Leggi l'articolo originale >> Amazon inquina sempre meno, ma netzero ancora lontano

2024-07-11T09:32:52Z dg43tfdfdgfd